domenica 21 agosto 2016

Il tempo dell'amore

Ti chiamavo 
e le mie parole 
erano strali 
che ricadevano 
mollemente 
contro una 
mente inospitale. 
Erano profonde 
le acque in cui 
tediosamente 
mescolavi malizia 
e gioia di vivere. 
Hai bruciato 
la nostra tavola 
di salvataggio 
per non fermarti 
più del necessario 
a consumare una candela. 

Come l'onda del mare 
hai bagnato 
la mia spiaggia 
facendomi brillare 
di pagliuzze di stelle
levigando ogni sassolino. 
Come rossa luce di luna 
hai aperto il buio 
della mia conchiglia. 
Come fragrante 
venticello estivo 
hai fatto alzare 
il mio aquilone 
in alto verso le nuvole. 

E ora? 

Il tempo 
che mi hai concesso 
è stato breve.
Autore:Ivana Tata @tutti i diritti riservati lg.633/1941








Posta un commento